La piramide dei bisogni di abraham maslow
Psicologia Individuale

La Piramide dei Bisogni di Abraham Maslow

Teoria della motivazione umana

di Emanuele Fazio

Tra le conoscenze più diffuse in ambito psicologico ingenuo, quindi in particolare tra i non addetti ai lavori, si può annoverare la Piramide dei Bisogni di Abraham Maslow, detta anche Teoria della Motivazione Umana.

Che cos’è la Motivazione

Secondo l’Associazione Psicologica Americana, la motivazione è la forza che determina movimento e traiettoria verso l’ottenimento di un qualcosa, che può essere sia di natura concreta (ad esempio, del cibo) che di natura astratta (ad esempio, vedere un quadro di Caravaggio).
In entrambi i casi, l’obiettivo è caratterizzato da uno scopo, cioè il raggiungimento di uno stato psicofisico di benessere con o senza preesistenza di uno stato psicofisico di malessere o disagio.
Motivazione deriva dal latino motivus, sostantivazione da motus, participio passato di movere – in italiano muovere.

L’esperienza soggettiva dei comportamenti, pensieri e/o emozioni associati ad un processo di tipo motivazionale, possono essere coscienti, non coscienti oppure un mix tra i due.
Quanto appena detto implica che molto spesso l’essere umano agisce in funzione dell’ottenimento di un qualcosa, senza esserne cosciente, o senza esserne cosciente del tutto.

I Bisogni Determinati da Carenza e i Metabisogni

Nella Piramide dei Bisogni di Abraham Maslow, l’accento è posto sul fatto che l’essere umano ha certamente molti bisogni identici a quelli degli animali non umani.
Assieme a questi bisogni che definiamo primari, e che Maslow definì bisogni determinati da carenza (deficiency needs), vi sarebbero bisogni di natura esclusivamente umana, che egli chiamò meta-bisogni. 
Il soddisfacimento dei meta-bisogni dipenderebbe dall’attivazione della meta-motivazione.
Questi meta-bisogni sono il bisogno di conoscenza (Considerate la vostra semenza:/ fatti non foste a viver come bruti,/ ma per seguir virtute e canoscenza – Dante Alighieri, XXVI canto dell’Inferno, v. 118-120), il bisogno di valori estetici[1], il bisogno di realizzare pienamente e in modo soddisfacente il proprio potenziale (bisogno di autorealizzazione) ed infine il bisogno di provare un esperienza di picco[2] (peak experience).

Tra i bisogni determinati da carenza e i meta-bisogni, ve ne sono alcuni che si collocano a metà strada tra i bisogni animali e quelli non umani, come ad esempio il bisogno di avere un ruolo sociale (appartenenza e consenso) e il bisogno di ricevere uno status sociale (stima e riconoscimento).

Il Soddisfacimento Gerarchico dei Bisogni

Per concludere, Maslow propose che i bisogni umani, di qualunque tipo essi siano, fossero disposti gerarchicamente, con alla base i bisogni primari e in vetta i meta-bisogni.
Prima di soddisfare i meta-bisogni, l’essere umano ha necessità di soddisfare, anche parzialmente, i bisogni primari.
E poi in successione ascendente tutti gli altri.
Appare evidente che un soggetto costantemente impegnato a soddisfare bisogni determinati da carenza, non trovi poi il tempo oppure non avverta il bisogno di soddisfare i meta-bisogni.
L’arte e la scienza non si sviluppano in quei contesti dove le persone devono lottare per ottenere cibo, sicurezza e, come vedremo in un successivo articolo, appartenenza.
L’autorealizzazione, il bisogno più elevato che un essere umano può avere, necessita della soddisfazione di tutti i bisogni che gerarchicamente lo precedono.

Emanuele Fazio Psicologo a Roma Nord
emanuele fazio psicologo a roma nord

 

[1] Il valore estetico è la qualità che un oggetto (un’opera d’arte oppure l’ambiente naturale) possiede in virtù della sua capacità di suscitare piacere, conoscenza (valori positivi) o dispiacere (valore negativo) quando i nostri sensi sono stimolati dal contatto con tale oggetto – [Plato, L., Meskin, A. (2014). Aesthetic Value. In: Michalos, A.C. (eds) Encyclopedia of Quality of Life and Well-Being Research. Springer, Dordrecht

[2] Esperienza di particolare euforia e benessere che si può vivere in momenti di estrema felicità. È una esperienza che consente alle persone ad entrare in contatto profondo con qualità fondamentali della vita

Articoli in evidenza

La teoria biosociale alla base del DBT Skills Training
DBT Skills Training

La base teorica del DBT Skills Training

La Teoria Biosociale proposta da Marsha Linehan postula che la sregolatezza emotiva è determinata sia da fattori genetici predisponenti che dalle caratteristiche dell’ambiente nel quale
Leggi l'articolo
mindfulness
DBT Skills Training

Mindfulness

Mindfulness significa trovarsi costantemente (o quasi) in uno stato mentale definito “saggio” ed essere vigili di ciò che sta accadendo nel momento presente, attimo dopo
Leggi l'articolo
La pratica della Mindfulness
DBT Skills Training

La pratica della mindfulness 3

Abbiamo già visto come praticare la Mindfulness attraverso le What Skills. Le How Skills ci spiegano il modo in cui le What Skills vanno usate.
Leggi l'articolo

Lascia un commento

Torna in alto