Filosofia della mente

Che cos'è la filosofia della mente

Una definizione concisa ed esaustiva

di Emanuele Fazio
La filosofia della mente

La filosofia della mente è quella branca della filosofia a cavallo tra filosofia teoretica e metafisica[1] che si domanda e cerca di dare una risposta circa la natura dei fenomeni mentali, cioè come si determinano e cosa li caratterizza, e ancora più in particolare si domanda e cerca di dare una risposta sul perché e in che modo tali fenomeni mentali entrano in contatto con il mondo fisico, soprattutto con quel particolare oggetto del mondo fisico che è il nostro corpo.

Quali sono questi fenomeni mentali?

I fenomeni mentali che indaga la filosofia della mente sono tanti e diversi.
Una prima classificazione li può distinguere in fenomeni di carattere cognitivo e di carattere affettivo/emotivo.
Ma per la filosofia della mente la maggior parte dei fenomeni mentali risultano essere una combinazione di questi due caratteri.
Alcuni esempi di fenomeni mentali sono: la percezione (soprattutto visiva, ma anche quella che ci deriva dagli altri sensi), l’attenzione, i vari stati di coscienza, la rappresentazione mentale di oggetti concreti oppure astratti, la conoscenza, le varie forme di apprendimento, la memoria, l’esperienza, la decisione, la risoluzione dei problemi, la comunicazione (anche attraverso il linguaggio), la motivazione e le emozioni.

[1] La metafisica è quella branca della filosofia che si occupa di tutte quelle questioni che non possono essere spiegate dalla fisica, la filosofia della natura (philosophiae naturalis).
Come tale, è considerata la branca più astratta e speculativa – non empirica – della filosofia.
Il primo a occuparsi di metafisica fu Platone, che postulò una forma di realtà non materiale, quindi ideale o idealizzata – pertanto metafisica – che contribuisse a spiegare e dare conto della realtà fisica: il mondo iperuranio delle idee.
Le questioni che non riescono ad essere interamente spiegate dalla fisica sono oggi quelle che attengono la mente, lo spirito, i principi astratti ed alcune attinenti il mondo fisico, in particolare l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande, nonostante i passi da gigante compiuti grazie alla fisica quantistica e alle due leggi sulla relatività di Einstein.

Emanuele Fazio Psicologo a Roma Nord
Psicologo a Roma nord

Articoli in evidenza

Il ruolo degli insegnanti nel contrasto al bullismo scolastico
Psicologia sociale

Il ruolo degli insegnanti nel contrasto al bullismo scolastico

Il ruolo degli insegnanti nel contrasto al bullismo scolastico è decisivo, se si considera che il bullismo nelle scuole è un problema in costante crescita.
Leggi l'articolo
La violenza sul posto di lavoro a danno degli operatori sanitari e socio-sanitari
Psicologia sociale

Violenza a danno degli operatori sanitari

La violenza sul posto di lavoro a danno degli operatori sanitari e socio-sanitari (e altre figure operanti nel settore) è un sottoinsieme della violenza sul
Leggi l'articolo
apprendimento sociale
Psicologia sociale

Apprendimento sociale

La teoria dell'apprendimento sociale parte dal presupposto che la personalità di ciascun individuo è plasmata dall’ambiente familiare e da tutti gli altri ambienti nei quali
Leggi l'articolo
Torna in alto